domenica 20 luglio 2014

L'uso di incensi e candele profumate in casa rischia di far male alla salute?


incenso-salute.jpghttp://scienzaesalute.blogosfere.it/2013/10/lincenso-fa-male-gli-esperti-lanciano-lallarme.html
Incenso e candele profumate possono compromettere la salute di chi li usa? Secondo il Governo francese la risposta potrebbe essere “si”, e proprio per questa ragione starebbe per partire una vera e propria missione da parte dei Ministeri dell’Ambiente (Ecologia), della Salute e delle Abitazioni, per stabilire se e quanti possono essere i rischi collegati all’utilizzo di incenso e candele profumate all’interno delle abitazioni. 
Dopo aver valutato i rischi, lo stesso Governo vieterà l’utilizzo dei prodotti potenzialmente nocivi nelle abitazioni domestiche. Del resto, non è la prima volta che si sente parlare dei possibili effetti nocivi di alcuni tipi di incenso, che potrebbe rappresentare una delle cause di seri problemi respiratori (asma, bronchite, rinite…) ed anche di alcune forme di cancro.

Quella condotta dal Governo francese sembra essere una vera e propria crociata, denominata “Plan d’actions sur la qualité de l’air intérieur“, grazie alla quale sarà possibile salvaguardare la salute dei cittadini. “Prodotti come l’incenso che emettono più di 2 microgrammi per metro cubo di benzene saranno vietati”, fanno sapere i ministri, alle cui dichiarazioni si aggiungono quelle dell’Institut national de l’Environnement Industriel et Des Risques, secondo cui le sostanze emesse dall’incenso (in particolare il particolato, il benzene, la formaldeide e l’acetaldeide) potrebbero effettivamente essere molto rischiose, “anche nel caso di un utilizzo soltanto mensile. L’uso dell’incenso può presentare rischi acuti, cronici e il cancro”.

E per quanto riguarda le candele profumate? Le sostanze potenzialmente dannose emesse da questi prodotti sarebbero l’acroleina, la formaldeide e particolato.

Detto questo, a preoccupare il Governo francese, ed insieme ad esso, l’intera popolazione, non sono solamente candele ed incensi, ma tutto ciò che contribuisce ad inquinare l’aria dell’abitazione domestica, un’aria che - paradossalmente - sarebbe già inquinata addirittura del 40%. Una percentuale senza dubbio preoccupante, se si considera che a tale inquinamento possono essere ricondotte svariate patologie, dalle allergie al mal di testa e così via.