domenica 9 febbraio 2014

piccolo pensiero per la sera



Non ragioniam di lor, ma guarda e passa è un celebre verso della Divina Commedia di Dante, diventato un modo di dire comune, sebbene con numerose varianti, uguali nel senso, ma storpiate nel testo (non ti curar di loro, non parliam di loro...).

Nel Canto III dell'Inferno, al verso 51, Virgilio, guida di Dante, sta descrivendo i cosiddetti "ignavi" (un'attribuzione – in realtà – mai usata da Dante ma nata in seno alla critica), cioè i vili, "coloro che visser sanza 'nfamia e sanza lodo":



« Fama di loro il mondo esser non lassa;

misericordia e giustizia li sdegna:

non ragioniam di lor, ma guarda e passa. »


Dante, infatti, ha una pessima opinione di quelli che, per viltà, nella loro vita non si schierarono mai (oggi diremmo i "neutrali"), a differenza di lui il cui destino – si pensi solo alla condizione di esule – fu proprio segnato dall'aver abbracciato idee politiche. Egli li pone nell'Antinferno, una collocazione che permette che i dannati possano perfino sentirsi superiori a loro: i malvagi, almeno, hanno scelto una strada, hanno preso una posizione, seppur quella della perdizione.

Per questo fa pronunciare a Virgilio la sdegnosa frase: di loro, che nessuna traccia hanno lasciato nel mondo, non vale neppure la pena parlare.

Nel linguaggio comune questo modo di dire viene usato con un tono di biasimo, rivolgendolo a quelle persone per le quali non vale nemmeno la pena di sprecare parole di condanna: si deve solo andare oltre, soprassedendo in silenzio.

tratto da Wikipedia.


Oggi siamo sempre più "neutrali" pochi prendono una posizione netta vera sincera,cerchiamo sempre di tenere il piede in due scarpeper non scontentare nessuno?

Assumersi la responsabilità per le nostre azioni o i nostri pensieri diventa impossibile,un impresa quasi incredibile,non esistono amici,parenti o colleghi ciò che più importa è stare sempre dalla parte del più forte o presunto tale,dalla parte della personale convenienza. Però ci sentiamo tutti : forti Samurai,ligi e seri Religiosi,uomini o donne forti.

Che pena mi fate chiusi dentro la vostra corazza di falsità ed ipocrisia,mentre vi consumate l'anima.